Quando ho creato la pagina Instagram di Italian Women USA a Marzo 2019, tra le diverse opzioni disponibili per le tipologie di profilo ho selezionato “Community” . È stata una scelta casuale giusto per impostare il profilo? Devo rispondere assolutamente no. Fin da subito avevo le idee chiare sul tipo di connessione che avrei voluto vedere tra le italiane all’estero, traferitesi in America. 

Gruppo vs Community

Ma qual è la differenza tra gruppo e community? Nel dizionario Treccani, gruppo viene definito come “Raggruppamento di persone o istituzioni, unite fra loro da ideali o principi comuni o collegati per il raggiungimento di determinati scopi” mentre community viene definita come “Gruppo di persone che si incontrano, discutono e si scambiano informazioni attraverso la rete“. Già da queste due definizioni si comprende come essere un gruppo non necessariamente significhi far parte di una community.

Trasferirsi in America, in un altro continente, e dover imparare una nuova cultura, nuove regole ed usi del paese ospitante non è mai facile. Per questo motivo, su Facebook sono nati tantissimi gruppi per italiani e italiane all’estero che hanno bisogno di chiedere informazioni o semplicemente di entrare in contatto con altri connazionali.

Scopo della Community

Come spiegavo nell’articolo “Come è nata la Community“, quando ho creato il profilo Instagram non mi rendevo davvero conto di dar vita a un’iniziativa che in un solo anno si sarebbe evoluta in qualcosa di strutturato e con tantissimi progetti futuri. Nonostante tutti i cambiamenti, lo scopo e gli obiettivi della Community sono sempre stati chiarissimi  e vorrei condividerli con voi.

Lo scopo della Community è di creare uno spazio virtuale collaborativo e rispettoso, nel quale le donne italiane all’estero e che hanno deciso di vivere in America possano creare connessioni, conoscersi e collaborare laddove possibile, incontrarsi e aiutarsi a vicenda in diversi ambiti; dal più pratico come quello lavorativo e di sviluppo professionale, passando per la ricerca di prodotti italiani, a quello più emotivo o personale che talvolta richiede comprensione e motivazione da parte dei membri della Community.

Trasferirsi in America implica sicuramente tante opportunità ma anche rinunce. Vedere i propri amici e e i propri parenti una volta l’anno (se va bene), perdere non soltanto la quotidianità, ma anche compleanni, anniversari, matrimoni, nascita di nipoti, insomma tantissimi eventi unici che non si ripeteranno più. Oggi la tecnologia sicuramente è dalla parte di chi decide di vivere in America o all’estero, ma non è comunque la stessa cosa e a volte si sente la necessità di trovare conforto e comprensione in chi vive la tua stessa esperienza. L’obiettivo principale della Community è proprio quello di far scaturire nei suoi membri un senso di appartenenza e non soltanto la soddisfazione di un mero bisogno.

 

Ora direte voi: tutte belle parole, ma come si fa a raggiungere questo? Risponderei con tantissima passione e lavoro, perché trasmettere questo spirito a un gruppo  di oltre 2000 membri richiede tempo,  costanza e abnegazione. E poi direi assolutamente grazie al Team che da Giugno 2020 si è pian pianino formato e che con molta dedizione lavora per mantenere lo spirito iniziale con cui la Community è nata.

Sull’approccio e sulle modalità ne parleremo nei prossimi articoli. Quindi, se volete rimanere aggiornati, vi invito a iscrivervi alla Newsletter!